Recensioni Senza categoria

Non perdere le staffe (per monitor e tv)

Shares

Dimensione dello schermo da posizionare, pesocapacità di rotazione e di inclinazionecolore. Cinque caratteristiche per scegliere correttamente la staffa più rispondente alle proprie necessità. Magari, però, prima di procedere all’acquisto è meglio fare una verifica sulla parete che abbiamo scelto come supporto: sia mai non sopportasse il peso!
Deve essere di cemento armato o di mattone pieno e maggiore è il peso della televisione maggiore deve essere la garanzia di resistenza offerta dal muro.

Lo standard VESA

La staffa si abbina alla dimensione del televisore secondo uno standard, il VESA, riconoscibile da un numero con cui si indica la distanza tra i fori, espressa in millimetri: per esempio, se si legge una dicitura VESA 50 la distanza tra i fori deve essere di 50 mm.

Posizione

Il televisore deve essere posizionato all’altezza degli occhi. Per questo nella scelta delle staffe è opportuno valutare soluzioni che possano alzare e/o abbassare il posizionamento del monitor se sono previste sedute ad altezze differenti. Sempre meglio evitare una posizione più in alto perché, oltre a costringere a posizioni innaturali e dannose per la postura, un’angolatura forzata affatica occhi e muscolatura peggiorando la qualità della visione.

Le proposte ADJ

Piccoli schermi

Si chiama XF 101 ed è pensato per schermi da 10 a 37 pollici. Il suo codice VESA è 200 mm massimo e sopporta il peso massimo di 20 chili.

È una staffa da parete con uno snodo che permette una inclinazione di 20 gradi in più e in meno rispetto alla posizione centrale e una rotazione di 60°. Utilizzando XF101 il monitor sarà distaccato dalla parete 9 centimetri utili all’estensione dell’acciaio laminato nero con cui è fabbricata la staffa

Monitor medi

Due le soluzioni pensate per monitor a partire dai 17 pollici.

Easy Move è il supporto universale regolabile pensato per sorreggere a parete monitor Lcd con uno schermo che, al massimo, arriva ai 37 pollici per un peso di 35 chili. Come per il fratello piccolo, la dicitura VESA è pari a 200 mm massimo ma l’inclinazione che è possibile garantire al monitor si ferma ai 30 gradi.
Discorso diverso per la rotazione: in questo campo Easy Move sfodera il meglio permettendo di vedere perfettamente lungo una linea curva di seduta da 180°. L’acciaio laminato a freddo, di colore nero, scosta il monitor dalla parete per una distanza compresa tra i 62 e i 402 millimetri.

Deve pesare meno il monitor da installare su WB 1903: il supporto, per televisori e monitor, garantisce una tenuta massima di 20 chili. Come il gemello, però, è inclinabile di 30 gradi e ha tra le caratteristiche un angolo di rotazione da 180°. A compensazione, aumenta i pollici di grandezza dello schermo: va bene fino a tv o monitor da 42 pollici con codice VESA 200.

I grandi

WB 2202 è un codice simpatico per indicare i supporti universali regolabili per schermi da 30 a 63 pollici. Quando il tuo monitor o la tua televisione è di 63 pollici hai ben chiaro dove vuoi installarlo e goderti la vista e quindi ben vengano gli “accessori” previsti su questo supporto: una possibilità di inclinazione che va da -10 a 0° e una rotazione da 120°. Cambia rispetto ai precedenti supporti il codice VESA che, in questo caso è di 600*400 mm. Lo schermo, che non dovrà pesare più di 35 chili, sarà staccato dalla parete per una distanza che va dai 70 ai 350 millimetri.

Per un televisore da 50 chili c’è lui, 190-00002. Il supporto è immaginato per i monitor LCD compresi tra i 30 e i 63 pollici che vogliono stare in riga: non sono previsti movimenti per questa staffa che distacca lo schermo dal muro appena 27 mm e ha un codice VESA 600*400 mm massimo. Nella scatola una livella a bolla: per non perdere la diritta via.

Shares
You may also like
A prova di blackout
Caricabatterie per smartphone, quale scegliere a Natale?

Lascia un commento